Benvenuto su www.trattamentoacustico.it, il primo forum italiano di consulenza acustica gratuita.

In questo forum puoi postare liberamente le tue domande che riguardino l'isolamento acustico, il trattamento e la correzione acustica delgi ambienti dedicati alla musica come sale prova, studi di registrazione, project studio, ma anche ambienti domestici come home theater, home cinema e locali pubblici, bar, ristoranti, scuole, palestre ecc. Potrai chiedere informazioni su tutti i prodotti per l'acustica in vendita sul nostro online shop www.masacoustics.it.

Per postare una domanda devi essere registrato.

Accedi con i tuoi dati o Clicca qui per registrarti !

Cerca nel Forum

Problemi con la registrazione e il login ?

E' possibile che i filtri antispam blocchino la mail di attivazione ! In caso di problemi vi invitiamo a inviare una segnalazione a questa mail info@masacoustics.it .

  1. Administrator
  2. Richieste di consulenza acustica generica.
  3. Sabato, 28 Maggio 2016
  4.  Iscriviti via mail
salve a tutti,
mi trovo qui dopo un girovagare in cerca di notizie chiare riguardo all'isolamento acustico delle pareti, perchè tutti quelli con cui ho parlato finora non mi sono sembrati sufficientemente preparati.
Vorrei smorzare per il meglio che si può la trasmissione dei rumori lungo le pareti di un corridoio che è in comune con un altro appartamento, il problema è che non vorrei troppo ridurne la larghezza, visto che non è eccelsa, quindi vorrei farlo usando il minor spessore possibile. Ammesso di utilizzare le cornici del cartongesso (da riempire con materiale isolante) di 3 cm andrei ad occupare in pratica quasi 5 cm totali, e vorrei se possibile ridurre questo ingombro.
C'e un pannello o simile che potrei apporre direttamente alla parete e mi consenta di abbattere (attenuare) la trasmissione di voci, squilli e musica da un appartamento all'altro? Non so, tipo cartongesso accoppiato con un sottile strato di piombo...
Quali possono essere le soluzioni (ed i materiali) migliori per ottenere ciò?

grazie a tutti per aver letto

saluti
Vota questo post:
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Ciao Generale :) Grazie per aver utilizzato il nostro forum di consulenza acustica !

In generale per raggiungere un buon isolamento acustico abbiamo bisogno di :

MASSA ( per esmepio Barriera acustica SheetBlok 10kg/m² ) e ASSORBIMENTO (lana di roccia , Fonoassorbente Isolmix , fibra di canapa eccc... )


Quindi di solito una buona partizione isolante è questa :

http://www.trattamentoacustico.it/immagini-forum2/Controparete%20senza%20intercapedine%20copia.png

Nel tuo caso abbiamo spessore limitato... ti posso dare due opzioni :


OPZIONE A ( milgiore ma più complessa ... )

In questo caso seguiamo la sezione che ti ho indicato sopra ma possiamo modulare lo spessore dell elemento fonoassorbente per stare nell'ingombro che mi segnali .

http://www.trattamentoacustico.it/immagini-forum2/controparete%20sottile.png

OPZIONE B ( più semplice, sopratutto da montare ... per un ambiente domestico può andare bene !! )

Utilizzare il GAFI

GAFI è un materiale ibrido... immaginalo come un elemento fonoassorbente all'interno del quale è stata "pompata" della massa. si può incollare direttamente a parete, può essere stuccato direttamente oppure coperto con una lastra di cartongesso incollata ed eventualmente fissata con sottostruttura perimetrale antiribaltamento.

Pannelli GAFI 60x40x3 cm 15€/m² + IVA e trasporto

Schede tecniche ed esempi di applicazione a questo link:

https://dl.dropboxusercontent.com/u/46100450/INFORMAZIONI%20GAFI.zip

Fammi sapere cosa ne pensi !
Ing. Giulio Curà
MasAcoustics and Co.
http://www.masacoustics.it
Facebook
Linkedin
Instagram
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
ciao e grazie per l'interesse al mio problema.
Entrambe le soluzioni occupano almento 4 cm mi pare di capire, se considerassimo di applicare i pannelli di gafi senza la sovrapposizione di cartongesso. Ma è fattibile? Cioè, il gafi è gomma, da quanto ho capito, perciò potrebbe essere stuccato, nell'ipotesi di essere posizionato senza cartongesso?
Navigando quà e là ho letto di pannelli di cartongesso contenenti delle sottili lamine di piombo, potrebbe questa soluzione fare al caso mio? Ed il cartongesso comunque per essere posizionato abbisogna del relativo telaio o può essere fissato direttamente al muro?
Scusami per le troppe domande, è una materia per me nuova.
Altra cosa che non riesco a quantificare è l'abbattimento: -51 db potrei considerarlo come un dimezzamento dei suoni provenienti dall'altra parte del muro?

saluti
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Ciao , il GAFI può essere stuccato direttamente senza cartongesso... ma non è un soluzione che di solito consiglio perchè comunque il cartongesso ci da una maggiore tenuta sia in termini di isolamento acustico che di solidità della parete.

Navigando quà e là ho letto di pannelli di cartongesso contenenti delle sottili lamine di piombo, potrebbe questa soluzione fare al caso mio?


Isolare solo con la massa non è una buona idea... noi di solito sostituiamo il piombo con lo Barriera acustica SheetBlok 10kg/m² o Barriera acustica SheetBlok Plus 10kg/m² ( più performante e comodo da usare ) ma a mio parere è imprescindibile inserire anche un elemento fonoassorbente come ti dicevo nel post precedente.

Altra cosa che non riesco a quantificare è l'abbattimento: -51 db potrei considerarlo come un dimezzamento dei suoni provenienti dall'altra parte del muro?


Considera che circa 30 dB è già silenzio... quindi se hai 51dB di isolamento vuol direi che il rumore dall'altra parte della parete può arrivare a circa 80 dB per avere 30 db dalla tua parte.

fammi sapere !

Ciao !

Giulio
Ing. Giulio Curà
MasAcoustics and Co.
http://www.masacoustics.it
Facebook
Linkedin
Instagram
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
ciao, rieccomi, per vari problemi ho dovuto tralasciare il discorso isolamento ma a breve lo dovrò affrontare nuovamente.
Prendo in considerazione l'ipotesi del secondo schema, lana di vetro di circa 2 cm con cartongesso-sheetblock-cartongesso.
Come principio non sarebbe meglio che la massa sia posta a muro ricoperta poi dalla lana di vetro? In modo che la lana assorba parte del rumore e quello che passa viene respinto dalla massa, evitando così rimbombi?
Ovviamente parlo a livello teorico...
Sono fondamentali due strati di cartongesso o uno potrebbe bastare?
Considerato che la soluzione gafi mi costerebbe 15 € al mq (solo materiale) per questa iipotesi di cui sopra invece a che costo dovrei fare fronte? (grosso modo).

grazie, saluti
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Ciao Generale ;) !!

Sono contento di risentirti !!

Ti confermo che lo sheetblok va messo sul cartongesso, infatti dobbiamo creare un sistema con :

MASSA 1 (parete )
FONOASSORBENTE
MASSA 2 ( cartongesso e Barriera acustica SheetBlok 10kg/m² )

Mettiamo lo sheetblok alla MASSA 2 perchè vogliamo che le due masse abbiano un peso superficiale paragonabile .

Sono fondamentali due strati di cartongesso o uno potrebbe bastare?


Per un buon isolamento acustico sono assolutamente necessari ( anche per incrociare gli strati e permettere di sigillare le giunzioni )

Fammi sapere cosa ne pensi !
Ing. Giulio Curà
MasAcoustics and Co.
http://www.masacoustics.it
Facebook
Linkedin
Instagram
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
ciao Giulio,
avevo sentito il principio massa-molla-massa, ma ti spiego il mio ragionamento: quello che vorrei ottenere è (per assurdo) un isolamento che impedisca ai miei rumori (musica) di passare al di là del muro, e quindi infastidire il vicino. Non proteggere me dai suoi.
In quest'ottica avevo pensato a questa situazione: muro esistente divisorio (forato da 8), profilo di lamierino che ospiterà il materiale isolante ancorato a pavimento e tetto ad almeno 1 cm di distanza dal muro divisorio, gomma piombo da 2 mm incollata su lana di roccia o similari di 2-3 cm (o pannello già composto da tali materiali) all'interno della struttura, poi cartongesso in eventuale doppio strato.
Quindi muro-spazio-gommapiombo-lana di roccia-cartongesso-(cartongesso).
Così le onde sonore da me prodotte vengono parzialmente assorbite dalla lana e poi riflesse dalla gomma, evitando rumori al vicino e rimbombi a me.
Come ti sembra? Eventualmente per evitare il doppio cartongesso (sia per questione di ingombri che di costi) potrebbe fare al caso uno stucco isolante?
Grosso modo, di quanto decade l'efficacia della struttura con uno o due strati di cartongesso?

grazie, saluti
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Ciao , ho capito il tuo obiettivo ma ti sconsiglio di proseguire in questo senso. In prima approssimazione dobbiamo considerare isolamento acustico e trattamento acustico come due problemi distinti risolti in modo indipendente , quindi prima isolo e poi faccio il trattamento .

La massa di cartongesso e Barriera acustica SheetBlok 10kg/m² è necessaria per realizzare il sistema massa /aria/massa ed è imprescindibile per un corretto isolamento acustico.

Le masse poi devono essere tutte all'esterno lasciando la maggiore intercapedine possibile, questo aiuta molto nell'isolamento delle basse frequenze.

A presto !


Giulio
Ing. Giulio Curà
MasAcoustics and Co.
http://www.masacoustics.it
Facebook
Linkedin
Instagram
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
ciao Giulio, scrivo con ritardo perchè oltre all'isolamento a casa ho centinaia di cose da fare...
Toriniamo a noi, dal tuo ultimo intervento non mi è chiaro come ottieni l'aria.
Va bene la gommapiombo, non capisco allora come posizionare i vari strati.
Pensavo che i profili del cartongesso dovessero essere fissati a pavimento e soffitto per evitare il contatto con la parete da isolare, e quindi ad una certa distanza dalla stessa...

potresti chiarirmi?

grazie, saluti
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Ciao , quando dico massa /aria / massa devo considerare che l’elemento “aria” è realizzato dall’intercapedine che può essere riempita in tutto o in parte con materialei fonoassorbenti ( per esempio lana di roccia , Fonoassorbente Isolmix , fibra di poliestere ecc… )

http://www.trattamentoacustico.it/immagini-forum2/Controparete%20con%20intercapedine.png

Se vedi l’immagine sopra hai

MASSA >> parete esistente
ARIA >> intercapedine parzialmente riempita con lana di roccia 
MASSA >> sandwich di cartongesso e Barriera acustica SheetBlok 10kg/m²

Pensavo che i profili del cartongesso dovessero essere fissati a pavimento e soffitto per evitare il contatto con la parete da isolare, e quindi ad una certa distanza dalla stessa...


Si , è corretto ….nel caso puoi utilizzare le Sospensione elastica per contropareti isolante MF506 


Fammi sapere cosa ne pensi !


A presto !


Giulio
Ing. Giulio Curà
MasAcoustics and Co.
http://www.masacoustics.it
Facebook
Linkedin
Instagram
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
ok, allora con lo schema da te proposto però saremmo sui 10-12 cm di ingombro, che sul corridoio sono troppi. C'è un modo per potermi mantenere entro i 6 cm?
Secondo dubbio: posta l'esistenza dell'intercapedine d'aria, io dovrei montare il materiale fonoimpedente (pensavo ad uno tipo questo: https://www.lantirumore.it/store/ct/pannelli-insonorizzanti-in-epdm-gomma-piombo/akustik-gum-slik) al'interno del telaio del cartongesso, senza che il materiale stesso abbia un appoggio posteriore, visto che la controparete non è appoggiata al muro originale. Rappresenta un problema?
E la controparete stessa, per lo stesso motivo di cui sopra, non risulta poco solida?

grazie per la tua cortesia, se riuscirai a chiarirmi questi dubbi te ne sarei grato.
saluti
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Ciao, puoi modulare la larghezza dell’intercapedine in questo modo :

http://www.trattamentoacustico.it/immagini-forum2/controparete%20sottile.png

Il materiale che mi hai segnalato è un ibrido tra un fonoassorbente e un elemento di massa.

A mio parere non ha molto senso e non è conveniente .

- A livello di resa acustica avere una doppia lastra con all’interno un elemento di massa ( Barriera Acustica SheetBlok Light 5Kg/m² o Barriera acustica SheetBlok Plus 10kg/m² ) ti permette di sfalsare i giunti , disaccoppiare le lastre e applicare l’elemento di massa in maniera più continua.

Se metti il pannelli ibrido all’interno della struttura , dove abbiamo i montanti avremo delle discontinuità.. questo non è un problema per la parte fonoassorbente ma no è assolutamente consigliato per l’elemento di massa .

Oltre a questo applicare la massa sul pacchetto di cartongesso ti da risultati migliori ( nel caso del materiale ibrido invece avremo

MASSA ( parete originale )
ARIA ( parte interna fonoassorbente del materiale ibrido )
MASS ( parte del materiale ibrido )
ARIA ( parte esterna fonoassorbente del materiale ibrido )
MASSA ( cartongesso )

mentre il nostro obiettivo è avere solo

MASSA
ARIA
MASSA


- Dal punto di vista economico non è conveniente .

Il costo è di 30 € + IVA per un pannello di 0,72 m² , quindi di ben 42€/m² + IVA

Considera che una lana di roccia  da 3 cm costa circa 3/4 €/m² + IVA mentre lo Barriera Acustica SheetBlok Light 5Kg/m² costa circa 10 €/m² + IVA


quindi abbiamo un prezzo di 42€/m² contro 14€/m²


Se invece dello Barriera Acustica SheetBlok Light 5Kg/m² utilizziamo lo Barriera acustica SheetBlok 10kg/m²


il costo al m² sarà di (4 €+ 17 € ) >> 21 €/m²


In questo ultimo caso hai una barriera acustica da 10 kg/m², mentre il materiale che mi segnali ha una massa di 5 kg/m² ( quindi di fatto è equivalente allo Barriera Acustica SheetBlok Light 5Kg/m² pi+ la lana di roccia  )


Questa è una regola generale… i materiali compositi costano quasi sempre di più della somma delle parti e spesso non hanno efficacia equivalente !

Fammi sapere cosa ne pensi !


A presto !


Giulio
Ing. Giulio Curà
MasAcoustics and Co.
http://www.masacoustics.it
Facebook
Linkedin
Instagram
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
sono delle ottime argomentazioni.
Riguardo alla lana di roccia, ho letto che è potenzialmente inquinante, ci sarebbe un materiale alternativo? Tipo la stessa firba sintetica del pannello che ti ho linkato prima, senza la gommapiombo?
Lo schema che mi proponi può andare bene come ingombro, ma vedo che il profilato del cartongesso è appoggiato a muro.
In definitiva, il profilato come e dove devo fissarlo? Senza tralasciare anche l'aspetto solidità....

grazie, saluti
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Ciao , come alternativa alla lana di roccia puoi valutare la fibra di poliestere oppure Fonoassorbente Isolmix ( più economico ... )

Lo schema che mi proponi può andare bene come ingombro, ma vedo che il profilato del cartongesso è appoggiato a muro.
In definitiva, il profilato come e dove devo fissarlo? Senza tralasciare anche l'aspetto solidità...


Se vogliamo stare nei vincoli di spessore che mi hai indicato credo sia indispensabile fissare i montanti al muro ( quindi avere anche la massima stabilità )

Utilizzare dei supporti elastici necessità di più spazio in intercapedine ( almeno 5/6 cm )

Se usi dei montanti a C come nell’immagine che ti ho indicato prima puoi avere comunque una buona elasticità .

Rimango a tua disposizione per qualsiasi dubbio o domanda.

A presto !
Ing. Giulio Curà
MasAcoustics and Co.
http://www.masacoustics.it
Facebook
Linkedin
Instagram
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
ciao Giulio,
sto andando a prendere il materiale per cominciare la prima parete, rileggendo i tuoi consigli mi sorge un dubbio, parli dell'importanza della non discontinuità degli elementi di massa, ma se la gommapiombo è in rotoli quindi come la devo posizionare? Sovrapponendo i bordi di 10 mm uno sull'altro?
E se trovassi il cartongesso accoppiato con la gommapiombo come potrei risolvere il problema? Sempre parlando di discontinuità.
Per quanto riguarda il montaggio elastico pensavo di interporre ai profili le striscie di gomma sia al pavimento che alla parete da isolare, fissandola però al pavimento e soffitto, sempre per dare una certa solidità
Cioè, il profilo lo fisso al pavimento, ma lo posiziono vicino alla parete interponendo cmq la gomma, per evitare il propagare delle vibrazioni.

che ne pensi?

Altro aspetto: i ponti acustici, devo mettere anche un prodotto di questo tipo
http://www.bricoman.it/n/edilizia/isolamento-termoacustico/acustico/sottopavimento/fascia-perimetrale-isolmant-sp5mm/10037822/
agli angoli di tutta la parete a contatto con pavimento e pareti confinanti?
O è sufficiente il nastro gommato che interpongo tra i profili e le varie superfici di contatto?

grazie, saluti
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Ciao, per via della sua massa lo Barriera acustica SheetBlok 10kg/m² non è comprimibile, quindi non lo puoi sovrapporre ma lo devi affiancare con cura . Per questo per il soffitto e le pareti di solito si utilizza lo Barriera acustica SheetBlok Plus 10kg/m² che permette una posa più precisa.

Per quanto riguarda il montaggio elastico pensavo di interporre ai profili le striscie di gomma sia al pavimento che alla parete da isolare, fissandola però al pavimento e soffitto, sempre per dare una certa solidità
Cioè, il profilo lo fisso al pavimento, ma lo posiziono vicino alla parete interponendo cmq la gomma, per evitare il propagare delle vibrazioni.


Ok, va bene, puoi stendere uno strato di neoprene sotto la rotaia del cartongesso e cercare di ammortizzare il più possibile i punti di contatto tra controparete isolant e parete.


Fammi sapere cosa ne pensi !


A presto !


Giulio
Ing. Giulio Curà
MasAcoustics and Co.
http://www.masacoustics.it
Facebook
Linkedin
Instagram
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
ciao Giulio, un paio di dubbi:
mi hai segnalato lana di roccia di 70 kg\mc, ne esistono di diverse densità, in linea di principio per l'assorbimento acustico è meglio una densità più alta o bassa?
Te lo chiedo se eventualmente dovessi prendere della fibra di poliestere, che trovo a non più di 30 kg\mc.

Mi sto occupando al momento dell parete senza problemi di ingombro, che è anche la più piccola. Per tutto il resto del corridoio, circa 30 mq, anche a scapito di un isolamento meno efficace di questo, che altro sistema potrei prendere in considerazione, co un occhio ai costi ed ai tempi di realizzazione?

grazie sempre, saluti
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Ciao Generale, ecco cosa si fa di solito :

isolamento acustico

Densità comprese tra 40kg/m³ e 70kg/m³ . Aumentando la densità aumentano i prezzi ma non i benefici..

trattamento acustico

In questo caso si possono utilizzare densità tra 30 e 50 kg/m³

Se ti interessa la fibra di poliestere la abbiamo disponibile in diverse densità oppure puoi valutare Fonoassorbente Isolmix ( 50 Kg/m³ , ottimo rapporto qualità/prezzo )

Mi sto occupando al momento dell parete senza problemi di ingombro, che è anche la più piccola. Per tutto il resto del corridoio, circa 30 mq, anche a scapito di un isolamento meno efficace di questo, che altro sistema potrei prendere in considerazione, co un occhio ai costi ed ai tempi di realizzazione?


che ingombro massimo puoi avere ??

Fammi sapere

Ciao !

Giulio
Ing. Giulio Curà
MasAcoustics and Co.
http://www.masacoustics.it
Facebook
Linkedin
Instagram
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
ciao Giulio,
quindi per la densità tra 50 e 70 kg\mq non c'è alcuna differenza, corretto?
Sia che si tratti di lana di roccia o poliestere o altro?
Sempre a proposito di riempire l'intercapedine, in luogo della lana di roccia si potrebbero usare anche quei pannelli di "gommapiuma" piramidale?

Riguardo al massimo ingombro non ce n'è uno, il problema è che essendo il corridoio (circa 90 cm di larghezza) più ne occupo e più sarà stretto. Considerato anche che il corridoio non è un luogo di stazionamento pensavo che si potrebbe fare un isolamento più "light" e meno impegnativo.
Ad esempio, si può ipotizzare di fissare il cartongesso accoppiato con gomma ad alta densità direttamente a parete?
Sarebbe utile oppure il corridoio diventerà una sala dell'eco? :D

In ultimo, approfittando della tua pazienza, vorrei chiederti se puoi consigliarmi su come posizionare il profilo metallico del cartongesso in corrispondenza di angoli interni ed esterni. La parete che sto isolando ha all'estrema dx un pilastro portante che sporge da essa di circa 15 cm, e siccome lo sto ricoprendo con la controparete mi trovo a fronteggiare il problema angoli.
Come posiziono i profili? Magari puoi fare un piccolo schema?

allego una foto per chiarire

grazie, sei l'unico che mi sta facendo chiarezza sull'argomento...
Allegati
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Ciao !!

quindi per la densità tra 50 e 70 kg\mq non c'è alcuna differenza, corretto?


Le differenze ci sono ma sono trascurabili !!

Sia che si tratti di lana di roccia o poliestere o altro?

lana di roccia ha il miglior rapporto efficacia prezzo . fibra di poliestere ha prestazioni paragonabili ma ad un costo maggiore.

Sempre a proposito di riempire l'intercapedine, in luogo della lana di roccia si potrebbero usare anche quei pannelli di "gommapiuma" piramidale?


In teoria è possibile, ma non conveniente per il prezzo , considera anche che la densità dei piramidali è più bassa !!!

Ad esempio, si può ipotizzare di fissare il cartongesso accoppiato con gomma ad alta densità direttamente a parete?


Potresti valutare cartongesso + Fonoisolante PKB2 Sonoflex ha un efficacia magigore del solo Barriera acustica SheetBlok 10kg/m²

Sarebbe utile oppure il corridoio diventerà una sala dell'eco? 


In questo caso stiamo parlando di isolamento acustico e non trattamento acustico quindi il livello di rimbombo sarà di fatto indipendente dall’isolamento che mettiamo !!


Ho visto la foto per i profili sull’angolo, in generale va bene ( ovviamente stiamo parlando di un montaggio in aderenza, quindi senza intercapedine ) . Dalla foto che vedo mancherebbe solo un montante

http://www.trattamentoacustico.it/immagini-forum2/skitched-20161003-123736.png

Oltre a questo ti consiglierei di montare i montanti a “C” e non a “U”

http://www.trattamentoacustico.it/immagini-forum2/montanti.png

Fammi sapere !!

A presto !


Giulio
Ing. Giulio Curà
MasAcoustics and Co.
http://www.masacoustics.it
Facebook
Linkedin
Instagram
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
ciao Giulio, non finirò mai di ringraziarti... :)
Allora, non mi è chiara la risposta circa il rimbombo, intendi dire che con una soluzione del genere (cartongesso accoppiato direttamente su muro oppure sonoflex + cartongesso) avrò un rimbombo?

Riguardo alla controparete, in realtà una minima intercapedine c'è, circa 5 mm, perchè ho interposto la striscia adesiva isolante in doppio strato sul lato delle guide che vanno sulla parete.
Il fatto che ci sia il pilastro mi crea il problema del fissaggio: i montanti che appoggiano su di esso li devo fissare coi tasselli al pilastro? Sarebbero gli unici punti di contatto tra la controparete e la parete originale.

buona serata
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Allora, non mi è chiara la risposta circa il rimbombo, intendi dire che con una soluzione del genere (cartongesso accoppiato direttamente su muro oppure sonoflex + cartongesso) avrò un rimbombo?


Certo ... quello di cui abbiamo parlato ora sono interventi di isolamento acustico e non trattamento acustico

vedi :

Differenza tra isolamento acustico e trattamento acustico (fonoisolanti e fonoassorbenti) 


Il fatto che ci sia il pilastro mi crea il problema del fissaggio: i montanti che appoggiano su di esso li devo fissare coi tasselli al pilastro? Sarebbero gli unici punti di contatto tra la controparete e la parete originale.


Potresti anche fissare i montanti solo tra pavimento e soffitto con una guarnizione tra montante e pilastro !!

A presto !


Giulio
Ing. Giulio Curà
MasAcoustics and Co.
http://www.masacoustics.it
Facebook
Linkedin
Instagram
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
ok, consideriamo allora di fare il corridoio col sonoflex ed il cartongesso (non accoppiato?), metterei allora dei listelli di legno a muro dove poi fissare il cartongesso e tra i quali posizionerò il sonoflex? Basta così?
Un isolamento di tal fattezza secondo te, mi darà un certo risultato?
Te lo chiedo perchè per fare 45mq dovrò spendere un migliaio di euro...

grazie Giulio
saluti
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Ciao !! Direi di si ... il punto è che è il massimo che puoi fare nello spazio che abbiamo !!!!

ok, consideriamo allora di fare il corridoio col sonoflex ed il cartongesso (non accoppiato?), metterei allora dei listelli di legno a muro dove poi fissare il cartongesso e tra i quali posizionerò il sonoflex? Basta così?


Direi di si ... se ci arrivi fai doppio cartongesso !!!!

Lato nero del Fonoisolante PKB2 Sonoflex a contatto con il cartongesso, lato verde alla parete.

Rimango a tua disposizione per qualsiasi dubbio o domanda.

A presto !


Giulio
Ing. Giulio Curà
MasAcoustics and Co.
http://www.masacoustics.it
Facebook
Linkedin
Instagram
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
ciao Giulio,
sto procedendo con la stanza, lana di roccia già posizionata e un paio di pannelli di cartongesso gommato già fissati.
Considerato l'impegno di realizzare questi 12 mq, e visto anche il tempo che stringe, per il corridoio (45 mq), nell'ottica di velocizzare, abbiamo parlato di fissare listelli di legno direttamente alla parete da insonorizzare, mettere il sonoflex e poi il cartongesso. Oppure il cartongesso accoppiato alla gomma direttamente alla parete.
Eviterei così le lungaggini dell'orditura metallica, rinunciando a desolidarizzare parete e controparete.
Si può grosso modo quantificare la perdita d'efficacia di tali soluzioni (fissate a parete) confrontate invece con le stesse (come materiali isolanti) ma realizzate con orditura metallica?

saluti e ringraziamenti ;)
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Ciao

Considerato l'impegno di realizzare questi 12 mq, e visto anche il tempo che stringe, per il corridoio (45 mq), nell'ottica di velocizzare, abbiamo parlato di fissare listelli di legno direttamente alla parete da insonorizzare, mettere il sonoflex e poi il cartongesso. Oppure il cartongesso accoppiato alla gomma direttamente alla parete.


Utilizzando il Fonoisolante PKB2 Sonoflex hai una componente fonoassorbente, quindi è una soluzione migliore ( circa 4/5 dB di differenza )

Eviterei così le lungaggini dell'orditura metallica, rinunciando a desolidarizzare parete e controparete.
Si può grosso modo quantificare la perdita d'efficacia di tali soluzioni (fissate a parete) confrontate invece con le stesse (come materiali isolanti) ma realizzate con orditura metallica?


Tra montanti in legno e montanti in metalli ci sono massimo 2/3 dB di differenza... quindi la differenza è limitata, quello che ti fa aumentare molto l'isolamento è STACCARE LA STRUTTURA ( qualunque sia ) DALLA PARETE ORIGINALE

Ciaoooo
Ing. Giulio Curà
MasAcoustics and Co.
http://www.masacoustics.it
Facebook
Linkedin
Instagram
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
ciao giulio, con la struttura metallica so come fare, ma coi listelli di legno come stacco la struttura dalla parete originale?
Ottenendo cmq una certa solidità d'insieme...

grazie, saluti
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Ing. Giulio Curà
MasAcoustics and Co.
http://www.masacoustics.it
Facebook
Linkedin
Instagram
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
scusami Giulio, ma nel caso del sonoflex, se volessi posarlo come descritto, dovrei usare i listelli di legno, che nello schema sembrano fissati a muro. I raccordi disaccoppianti che mi hai linkato vanno bene anche per i listelli di legno o sono solo per le strutture metalliche per il cartongesso?

massimo domani sera devo ordinare tutto...

saluti
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Ciao, i supporti antivibranti che ti ho indicato ( in particolare i Sospensione elastica per contropareti isolante MF506 
) possono andare bene anche per i montanti in legno (basta avvitare la trave nei fori )

In problema ( nel tuo caso ) è che portano via un po' di spazio !!

In caso che tu metta i montanti da 2 cm in aderenza per risparmiare spazio al massimo puoi cercare di disaccoppiarli anche con un nastro di neoprene adesivo il problema in questo caso è come comunque la vite trasmette... ma meglio di nulla !!

Ciao !

Giulio
Ing. Giulio Curà
MasAcoustics and Co.
http://www.masacoustics.it
Facebook
Linkedin
Instagram
  • Pagina :
  • 1


Non ci sono ancora risposte per questo post.
Tuttavia, non ti è permesso rispondere a questo post.
Powered by EasyDiscuss for Joomla!
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy