Benvenuto su www.trattamentoacustico.it, il primo forum italiano di consulenza acustica gratuita.

In questo forum puoi postare liberamente le tue domande che riguardino l'isolamento acustico, il trattamento e la correzione acustica delgi ambienti dedicati alla musica come sale prova, studi di registrazione, project studio, ma anche ambienti domestici come home theater, home cinema e locali pubblici, bar, ristoranti, scuole, palestre ecc. Potrai chiedere informazioni su tutti i prodotti per l'acustica in vendita sul nostro online shop www.masacoustics.it.

Per postare una domanda devi essere registrato.

Accedi con i tuoi dati o Clicca qui per registrarti !

Cerca nel Forum

Problemi con la registrazione e il login ?

E' possibile che i filtri antispam blocchino la mail di attivazione ! In caso di problemi vi invitiamo a inviare una segnalazione a questa mail info@masacoustics.it .

  1. Federica
  2. Isolamento Acustico
  3. Lunedì, 24 Settembre 2018
  4.  Iscriviti via mail
Buongiorno! Vi scrivo perché sto realizzando il mio nuovo home studio all'interno di un condominio (costruzione primi anni '60), e vorrei evitare di disturbare i vicini e al contempo sfruttare al meglio tutte le possibilità della stanza a livello acustico, finché questa è ancora in fase di ristrutturazione: vi chiedo quindi un consiglio dapprima in merito all'isolamento, e poi anche al trattamento acustico che mi converrebbe fare.
La stanza è grande circa 20 mq e al suo interno ci sarà una postazione di lavoro con tastiera e monitor Focal Professional CMS50 (uso prevalente) collocate su due piedistalli e un pianoforte verticale Yamaha U1 addossato alla stessa parete.
Io mi occupo di musica da film e spesso ho la necessità di fare degli ascolti/proiezioni ad alto volume. Come vedete dalla planimetria in allegato, dalla parte opposta (dietro alla postazione) c'è un'altra parete dove andranno probabilmente un divano e una libreria. Le altre due pareti presentano invece una una grande finestra in alluminio con doppio vetro e l'altra una doppia porta scorrevole (lo so, non è una grande scelta a livello acustico ma è molto bella e dà sul salotto).
I monitor saranno rivolti verso il divano; i vicini da non disturbare si trovano al piano di sotto e al piano di sopra; meno importante è l'isolamento del rumore aereo proveniente dallo studio verso le stanze attigue (bagni, sgabuzzino e salone), non essendoci vicini confinanti. Potrebbe essere invece più importante limitare il rumore degli scarichi dei bagni adiacenti percepito dall'interno dello studio.

Mi sono un po' documentata sulle varie possibilità, ma ovviamente mi rimetto alla vostra esperienza.
Vado per punti.

Pavimento:
Attualmente è presente una pavimentazione in parquet sopra la quale poseremo un'altra pavimentazione in parquet prefinito. Non ci sono purtroppo gli spessori per poter realizzare una struttura con sottopavimento disaccoppiato dal massetto con uboat o simili. Tra i due pavimenti in legno potrei, ad ogni modo, porre uno strato di 5-6 mm per tentare di limitare la trasmissione del suono verso il piano inferiore. E' sensato pensare di utilizzare uno strato di gomma piombo tra i due pavimenti?

Soffitto:
Sarà realizzato un controsoffitto in cartongesso con sopra 3/4 cm di lana di roccia (h soffitto originale 3,10 m, h soffitto cartongesso 2,90 m).

Pareti (lato corto):
La parete lato finestra è più complessa da gestire perchè vorrei evitare di dover sostituire l'infisso e la relativa struttura. Pensare di utlizzare solamente una tenda pesante è utopia? Mi consigliate altri accorgimenti?
La parete lato porta è un altro problema (forse mitigabile col mobilio?): in questo caso la trasmissione di rumore aereo verso la stanza adiacente è del tutto accettabile. Tuttavia c'è qualche accorgimento che posso adottare per evitare che la parete faccia da ponte acustico coi piani inferiore e superiore?

Pareti (lato lungo):
Le pareti lato lungo (dietro e davanti ai monitor) sono attuamente realizzate in forati. Pensavo di realizzare delle contropareti in cartongesso (nel disegno in allegato le ho già ipotizzate con uno spessore di 5 cm ciascuna) con dietro 3/4 cm di lana di roccia, se necessario potrei inserire uno strato di gommapiombo tra due lastre di cartongesso (anche se visti i limiti sulle altre due pareti non so se abbia veramente senso... inoltre considerata la metratura in ballo non è esattamente una soluzione economica). Pensavo comunque di utilizzare dei giunti idonei per desolidarizzare queste due pareti che credo essere quelle più coinvolte dal suono. Quali giunti mi consigliate? Visto lo spessore non eccessivo, che supporti mi consigliate di usare per le contropareti?

In coda vi chiedo infine qualche consiglio per far suonare la stanza in maniera quantomeno decente (anche possibili migliorie future, a struttura ultimata: dove posizionare i pannelli, se servono, ecc...).

Spero di essere stata abbastanza chiara e spero perdonerete la mia inesperienza in questo ambito che fino ad ora, stando in uno studio di fortuna, non mi era mai capitato di indagare.

Attendo la vostra risposta e vi ringrazio anticipatamente!
Ciao!!
Federica
Allegati
Vota questo post:
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Buonasera Federica, grazie per aver utilizzato il nostro forum di consulenza acustica !

Ecco le risposte ai dubbi che mi hai indicato :

Pavimento:
Attualmente è presente una pavimentazione in parquet sopra la quale poseremo un'altra pavimentazione in parquet prefinito. Non ci sono purtroppo gli spessori per poter realizzare una struttura con sottopavimento disaccoppiato dal massetto con uboat o simili. Tra i due pavimenti in legno potrei, ad ogni modo, porre uno strato di 5-6 mm per tentare di limitare la trasmissione del suono verso il piano inferiore. E' sensato pensare di utilizzare uno strato di gomma piombo tra i due pavimenti?


Non fare il pavimento è un grosso limite per l’isolamento complessivo .

Onestamente utilizzare il Barriera acustica FlatBarrier 10A  come barriera acustica direttamente sul pavimento da risultati molto limitati ( o meglio … pochissimo a alta frequenza , niente alle basse.. ) . Ha senso solo se il pavimento esistente è molto leggero ( magari in legno ) o ha qualche punto debole, ma non credo sia il caso.

Potremo pensare di utilizzare 5 mm di Antirombo in gomma riciclata ISOLRUBBER sotto il parquet.. questo farebbe qualcosa per il calpestio e la trasmissione di vibrazioni … ma anche qua non molto ..


Purtroppo per isolare serve spazio e non ci sono scappatoie… in uno spazio limitato posiamo raggiungere un isolamento limitato !!!

Quali sono i limiti in questo caso ?
La finestra ? La porta ?

In ogni caso la porta scorrevole è un problema … è impossibile da isolare correttamente . Per fare un buon lavoro quindi dovremo accorciare un po la sala e creare un tramezzo :

http://www.trattamentoacustico.it/immagini_forum/bozza%20studio%2026-09-2018%20.jpg

( con questa soluzione non avremo neanche il problema della finestra , dovremo realizzare un infisso gemello da montare sulla controparete ( suppongo che la finestra attuale sia scorrevole, forse mi sbaglio .. )

Soffitto:
Sarà realizzato un controsoffitto in cartongesso con sopra 3/4 cm di lana di roccia (h soffitto originale 3,10 m, h soffitto cartongesso 2,90 m).


Se riuscissimo a prenderci qualche cm in più potremo disaccoppiare il controsoffitto isolante.

http://www.trattamentoacustico.it/immagini_forum/isolamento%20acustico%20soffitto%20in%20poco%20spazio%20.png

Con Barriera acustica FlatBarrier 10A  e Sospensioni elastiche MF002


Pareti (lato corto):
La parete lato finestra è più complessa da gestire perchè vorrei evitare di dover sostituire l'infisso e la relativa struttura. Pensare di utlizzare solamente una tenda pesante è utopia? Mi consigliate altri accorgimenti?
La parete lato porta è un altro problema (forse mitigabile col mobilio?): in questo caso la trasmissione di rumore aereo verso la stanza adiacente è del tutto accettabile. Tuttavia c'è qualche accorgimento che posso adottare per evitare che la parete faccia da ponte acustico coi piani inferiore e superiore?


In parte ho risposto sopra… la finestra è un problema più che altro per il pavimento .. quindi l’unica soluzione sarebbe quella di raddoppiare l’infisso o alzare l’infisso attuale (temo opzione impraticabile )

La Tenda Fonoassorbente fa veramente poco a livello di isolamento acustico …( circa 9dB sulle alte, 0dB su basse e medio basse … ) oltretutto le tende assorbenti sono molto care … costerebbe quasi meno un secondo infisso !!!!

Per la porta scorrevole non abbiamo soluzioni sensate se non chiudere la parete come nel disegno sopra. Tutto il resto può essere un palliativo ma senza sicurezza alcuna !!


Pareti (lato lungo):
Le pareti lato lungo (dietro e davanti ai monitor) sono attuamente realizzate in forati. Pensavo di realizzare delle contropareti in cartongesso (nel disegno in allegato le ho già ipotizzate con uno spessore di 5 cm ciascuna) con dietro 3/4 cm di lana di roccia, se necessario potrei inserire uno strato di gommapiombo tra due lastre di cartongesso (anche se visti i limiti sulle altre due pareti non so se abbia veramente senso... inoltre considerata la metratura in ballo non è esattamente una soluzione economica). Pensavo comunque di utilizzare dei giunti idonei per desolidarizzare queste due pareti che credo essere quelle più coinvolte dal suono. Quali giunti mi consigliate? Visto lo spessore non eccessivo, che supporti mi consigliate di usare per le contropareti?


Ok ve bene , ecco una sezione di riferimento :

http://www.trattamentoacustico.it/immagini_forum/controparete%20con%20clips%20.png

Con Sospensione elastica per contropareti isolante MF506  e Barriera acustica FlatBarrier 10A 

Attenzione però , l’uso delle sospensioni elastiche ( 1 o 2 per montante ) richiede l’’impiego di un certo spazio …tra intercapedine e cartongesso non meno di 11/12 cm

Concludendo … abbiamo molti punti deboli , possiamo sicuramente scendere a compromessi ( spazio , costi ecc.. ) ma dobbiamo fare attenzione a non scende sotto una certa soglia al di sotto della quale il risultato non giustifica l’investimento ( che comunque c’è anche per fare un lavoro “cosi cosi” )

Quindi il mio suggerimento e di scegliere o il massimo o il minimo .

Quindi il massimo è quello di realizzare una stanza nella stanza totalmente disaccoppiata , con pavimento , doppia porta , finestra , impianto di areazione eccc…

Il minimo invece consiste nel focalizzarsi sui problemi più gravi e limitare il trattamento a quelli facendo il possibile ( magari un soffitto … o una della pareti a contatto con i vicini .. )

Le vie di mezzo pagano poco .. senza una stanza completamente disaccoppiata abbiamo una potenziale dispersione di vibrazioni che è imprevedibile e non possiamo controllare…

In coda vi chiedo infine qualche consiglio per far suonare la stanza in maniera quantomeno decente (anche possibili migliorie future, a struttura ultimata: dove posizionare i pannelli, se servono, ecc...).


Su questo abbiamo molte opzioni , dipende molto anche da quanto conta l’aspetto estetico , ecco alcune opzioni :

Kit di trattamento acustico Auralex Roominator , Auralex Studiofoam, Moduli fonoassorbenti FLATTIES oppure una soluzione low cost ma efficace con Stratocell Whisper FR 


A queste pagine puoi trovare qualche idea .

https://www.masacoustics.it/trattamento-acustico-di-studi-di-registrazione-e-sale-prova/
https://www.masacoustics.it/trattamento-acustico/
https://www.masacoustics.it/blog-esempi-di-trattamento-acustico/

Fammi sapere cosa ne pensi !
Ing. Giulio Curà
MasAcoustics and Co.
http://www.masacoustics.it
Facebook
Linkedin
Instagram
  1. più di un mese fa
  2. Isolamento Acustico
  3. # 1
  • Pagina :
  • 1


Non ci sono ancora risposte per questo post.
Tuttavia, non ti è permesso rispondere a questo post.
Powered by EasyDiscuss for Joomla!
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy