Benvenuto su www.trattamentoacustico.it, il primo forum italiano di consulenza acustica gratuita.

In questo forum puoi postare liberamente le tue domande che riguardino l'isolamento acustico, il trattamento e la correzione acustica delgi ambienti dedicati alla musica come sale prova, studi di registrazione, project studio, ma anche ambienti domestici come home theater, home cinema e locali pubblici, bar, ristoranti, scuole, palestre ecc. Potrai chiedere informazioni su tutti i prodotti per l'acustica in vendita sul nostro online shop www.masacoustics.it.

Per postare una domanda devi essere registrato.

Accedi con i tuoi dati o Clicca qui per registrarti !

Cerca nel Forum

Problemi con la registrazione e il login ?

E' possibile che i filtri antispam blocchino la mail di attivazione ! In caso di problemi vi invitiamo a inviare una segnalazione a questa mail info@masacoustics.it .

  1. carlo
  2. Richieste di consulenza acustica generica.
  3. Lunedì, 21 Settembre 2015
  4.  Iscriviti via mail
CIao a tutti! :D
Ho scoperto solo ieri qs forum e devo farvi i miei complimenti per l'accuratezza con la quale viene portato avanti.
Nel mare del "possibilismo" su qs argomento mi sembra una buona isola per orientarsi. GRazie anche del manuale 101 acoustics che ho iniziato a leggere!
Vi espongo i miei quesiti. Ho una piccola stanza in un condominio al primo piano da adibire a home studio, ripresa voce,chitarre acustiche (e altro se possibile). Vi ho "trovati" ora che già "Mi sono imbarcato" nell'opera e mi auguro mi possiate rispondere presto per valutare come procedere. Mi scuso anticipatamente per i molti quesiti o "l'affannosa descrizione"
I 3 obiettivi piu grandi sono
1) isolare acusticamente il piu possibile la stanza dagli appartamenti vicini. Ovvero il soffitto (dal vicino n.1 leggasi "amministratore condominio) e il pavimento (dal vicino n.2) . Il vicino n.3 sta a "2 muri di distanza".
2) isolare la stanza (piu che altro finestra/cassettone) dal rumore del traffico/treni (su qs immagino che non risolverò del tutto se non spendendo soldoni per cambiare gli infissi con qualcosa di moderno e montato a regola d'arte. però ho già una soluzione "provvisoria da attuare)
3) trattare acusticamente la stanza.

La stanza è 4,20 * 2,20 altezza soffitto 3m circa. LA stanza confina con la mia stanza da letto e la cucina. Dal lato finestra c'è la strada. dal lato "porta" c'è un corridoio, il quale altro muro poi confina col vicino n.3. La stanza già è "fatta" e a terra c'è un pavimento con piastrelle a lastroni 80*80 di marmo (spezzettato)

AL momento dispongo di circa 26m2 di Pannelli rigidi in lana di roccia a doppia densità (compressa) rivestiti su un lato da uno strato di bitume (protetti con un film di polipropilene) ossia 22 pannelli da 120*100*4cm
Dice: "e che ce fai"? :-D beh intanto vorrei dirvi alcune mie "possibilità" di soluzioni che ho pensato e sapere il vostro parere.
1poss.)
HO pensato di utilizzare un doppio strato di tali pannelli (4+4cm)per isolare il pavimento,sopra il quale montare un parquet laminato. So che non "risulta logica" come soluzione, per l'altezza del pavimento finale+il costo dei pannelli, ma avendo già il materiale vi chiedo se a livello di isolamento per voi risolve. Qs soluzione potrebbe evitarmi di costruire il pavimento flottante ?

Poi per il soffitto realizzarei un controsoffitto rivestito in cartongesso, sopra cui inserire uno strato di pannelli che ho (4cm) + un eventuale lastra di piombo o lo SheetBlock + un altro strato di lana di roccia (5-8cm), qs volta quella a rotolo magari o a pannelli "Piu leggeri dei miei" (devo valutare il peso e la resistenza della struttura...)
Ha senso?
Oppure montando i pannelli che ho ad alta densità+un altro strato o pannello di lana roccia Posso evitare la lastra di piombo/Sheetblock?
Quanto valore di fonoassorbenza (circa) hanno ognuno di qs materiali singolarmente?
Una variante di realizzazione a qs 1 possibilità sarebbe di montare i pannelli che ho direttamente sul soffitto per mezzo di "stop a pressione" e in finale avere anche il controsoffitto sottostante con la lana di roccia+foglio piombo/Sheetblock. Ma è da valutare in base alla praticità di realizzazione dei lavori + all eventuale guadagno di potere fonoassorbente di qs variante di realizzazione secondo voi.

2poss.)
Utilizzare un solo strato di pannelli sotto al parquet, circa 8mq ,
utilizzare altri 8mq di pannelli per il soffitto (come descritto prima) e i restanti 10mq usarli disponendoli sui muri (non so se ha senso ricoprire solo la parte inferiore per es.e fino a quale altezza)
Ho pensato di realizzare dei "listelli di legno" entro cui inserire i pannelli rivolgendo il lato bitumato verso l' esterno, per poi ricoprirli di una "foglia di plastica" +cartongesso, oppure magari di una sottile lastra di "poliuretano" o magari della stoffa. Datemi il vostro prezioso parere.

3poss.)Non utilizzare affatto i pannelli "doppia densità" per il soffitto (quindi resta cartongesso 12,5mm+piombo o sheetblock+lana roccia a rotolo o pannello leggero) e avere a disposizione circa 18mq da disporre (in che modo?) sulle pareti.
La parete che potrebbe a mio avviso risultare "problematica" è quella in cui si vede in foto un "montante" che credo sia un trave portante, il quale ho l'impressione che possa condurre vibrazioni...però con il controsoffitto comunque "scenderei subito sotto di essa.

VI chiedo , visto che non ho la priorità di isolare acusticamente le pareti poichè confinano con mia stanza e cucina, posso tralasciare qs "isolamento" o comunque ha senso utilizzare i pannelli che ho in qualche modo sui muri,magari in qs modo evitano il propagarsi delle vibrazioni sul muro?
Pensavo di usare qs pannelli comunque almeno per ricoprire il muro (2-3mq)dove è la porta (poi c'è da "Inventarsi" un insonorizzazione della porta)

Per il 2) obiettivo per ora non potendo spendere per la finestra, ho pensato di realizzare insieme a un amico che mi aiuterà, una ulteriore "doppia finestra" interna apribile, fatta magari con delle lastre di legno montate con delle "cerniere" al muro+ricoperte di uno dei miei pannelli+pannelli fonoassorbenti. Rivestire il "cassettone della serranda" con pannelli miei lana roccia+pannelli fonoassorbenti+silicone o altro...Comunqe Su qs punto il mio amico si è impegnato a "inventare" una soluzione....perciò se non avete consigli oltre a quello di cambiare finestra, vedrò cosa mi consiglia lui :-)

Per il 3) obiettivo vi chiedo in prima analisi, cosa cambia tra una stanza trattata e ricoperta al 100% e una al 30-40% (pannelli wedges/piramidali+ bass trap + diffusori) ?
Ossia investire qualcosa in piu per ricoprire totalmente stanza (e soffitto ?) di pannelli fonoassorbenti può aver senso? (specie nel caso in cui si ha una "stanzetta di un condominio metropolitano molto rumoroso" e non uno studio con grandi spazi magari con magari pregiate pareti in legno, insomma che "suona già bene" così com'è stata progettata con le sue riflessioni sonore).
Può "bastare" anche solo una disposizione " a scacchi" dell intera superficie?
Oppure dovrei innanzitutto "ascoltare" la stanza dopo aver risolto il problema del rumore esterno, per capire "suono produce" e poi procedere alla scelta?
*Il "montante"/trave di cui ho parlato prima, andrebbe comunque ricoperto di lana roccia/ pannelli fonoassorbenti, o una volta che si troverebbe "sopra al controsoffitto, non darebbe piu preoccupazioni?
In un caso di home studio, sono "sostanziali" le differenze (in "Potere fonoassorbente" ?) di pannelli in melammina o poliuretano, e delle varie "densità" del poliuretano?


Grazie dell'ascoltoe scusate ancora per le molte domande e l'esposizione "disordinata".
Spero che mi rispondiate presto almeno sul fatto del pavimento, se avete una soluzione da indicarmi,perche volevo iniziare domani stesso a lavorarci...
Grazie ancora!
Allegati
Vota questo post:
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Ciao Carlo , benvenuto nel forum e grazie per i complimenti !

Primo quesito … i pannelli in lana di roccia..

suppongo si tratti di qualcosa di questo tipo http://www.rockwool.it/prodotti+e+soluzioni/u/2011.product/1344/prodotti-edilizia/rockacier-b-soudable

In questo caso il problema è l’alta densità del materiale… troppo denso… per innescare l’effetto “molla” del pavimento dovremo metterci sopra almeno 10 cm di cemento armato !!!

Mi confermi la densità ??

Se proprio lo vuoi usare a mio parere lo dovresti appesantire con almeno 2 strati di MDF/OSB con in mezzo lo Barriera acustica SheetBlok 10kg/m² ,poi il parquet, anche in questo caso il pavimento sarebbe un po troppo leggero … ma attendo i dati sulla densità…

Poi per il soffitto realizzarei un controsoffitto rivestito in cartongesso, sopra cui inserire uno strato di pannelli che ho (4cm) + un eventuale lastra di piombo o lo SheetBlock + un altro strato di lana di roccia (5-8cm), qs volta quella a rotolo magari o a pannelli "Piu leggeri dei miei" (devo valutare il peso e la resistenza della struttura...)


Non so se ho capito bene la sezione… ma mi sembra un po confusa. Non sprecare troppo spazio e cerca di utilizzarlo al meglio, meglio seguire delle sezioni collaudate ….senza improvvisare soluzioni troppo complesse che spesso fanno aumentare i costi senza benefici in isolamento acustico.

Ecco cosa facciamo di solito

http://www.trattamentoacustico.it/immagini-forum2/isolamento%20acustico%20soffitto%20sospeso.png

con.

lana di roccia da 70 kg/m³
cartongesso
Barriera acustica SheetBlok Plus 10kg/m²
cartongesso

disaccoppiando la struttura con Sospensioni elastiche MF002 o Sospensioni elastiche MF305 

Se vuoi aumentare l’isolamento puoi aumentare l’intercapedine e lo spessore della lana di roccia.

Oppure montando i pannelli che ho ad alta densità+un altro strato o pannello di lana roccia Posso evitare la lastra di piombo/Sheetblock?


Non lo sostituisce ma lo puoi sfruttare… il problema rimane sempre la densità eccessiva del pannello. Anche per un utilizzo in controparete è troppo rigido…


se si tratta dei pannelli che penso , sono utili per cappotti o tetti ma non per l’isolamento acustico di una sala musica.


Se proprio li vuoi usare , usali nel posto dove ti serve meno isolamento ( le pareti ?? ) …


Per il 2) obiettivo per ora non potendo spendere per la finestra, ho pensato di realizzare insieme a un amico che mi aiuterà, una ulteriore "doppia finestra" interna apribile, fatta magari con delle lastre di legno montate con delle "cerniere" al muro+ricoperte di uno dei miei pannelli+pannelli fonoassorbenti. Rivestire il "cassettone della serranda" con pannelli miei lana roccia+pannelli fonoassorbenti+silicone o altro...Comunqe Su qs punto il mio amico si è impegnato a "inventare" una soluzione....perciò se non avete consigli oltre a quello di cambiare finestra, vedrò cosa mi consiglia lui :-)


Ok per una doppia finestra sulla controparete… il problema a mio parere rimane il cassone !!

La tua idea ha un problema… manca l’elemento di massa… ( cartongesso legno… )


Considera che poi il cassone dovrebbe rimanere ispezionabile.

A mio parere la cosa migliore sarebbe creare una controparete davanti al cassone rendendo ispezionabile il cassone dal basso..

http://www.trattamentoacustico.it/immagini-forum2/cassone%20isolamento%20acustico%20.jpg


o più semplicemente


http://www.trattamentoacustico.it/immagini-forum2/cassone%20isolamento%20acustico%20%202%20.jpg

ma in questo caso è difficile l’ispezione .

3) obiettivo vi chiedo in prima analisi, cosa cambia tra una stanza trattata e ricoperta al 100% e una al 30-40% (pannelli wedges/piramidali+ bass trap + diffusori) ?
Ossia investire qualcosa in piu per ricoprire totalmente stanza (e soffitto ?) di pannelli fonoassorbenti può aver senso?

I fonoassorbenti non isolano , vedi Differenza tra isolamento acustico e trattamento acustico (fonoisolanti e fonoassorbenti) 

Materiali e schemi di montaggio per l’isolamento acustico 
Come isolare una parete


SCONSIGLIO ASSOLUTAMENTE UNA COPERTURA DEL 100% se abbiamo un budget alto lo possiamo investire molto meglio !!!!

Può "bastare" anche solo una disposizione " a scacchi" dell intera superficie?
Oppure dovrei innanzitutto "ascoltare" la stanza dopo aver risolto il problema del rumore esterno, per capire "suono produce" e poi procedere alla scelta?


Per prima cosa procediamo ad un adeguato isolamento acustico e poi valutiamo l’intervento per il trattamento acustico , in prima approssimazione si tratta di due problemi separati.

Per quanto riguarda il posizionamento , per una sala prove la disposizione a scacchiera può essere valida, ma per una control room o project studio dobbiamo valutare meglio la disposizione dei pannelli ( nel caso prendi il materiale da noi ti facciamo il progetto gratuitamente )

*Il "montante"/trave di cui ho parlato prima, andrebbe comunque ricoperto di lana roccia/ pannelli fonoassorbenti, o una volta che si troverebbe "sopra al controsoffitto, non darebbe piu preoccupazioni?


Attenzione a non confondere isolamento acustico e trattamento …. la trave deve essere isolata con il resto della parete !!

In un caso di home studio, sono "sostanziali" le differenze (in "Potere fonoassorbente" ?) di pannelli in melammina o poliuretano, e delle varie "densità" del poliuretano?


Sconsilgio la melamina perchè molto delicata !!! meglio il poliuretano ( Pannelli Fonoassorbenti Studiofoam ) oppure dei pannelli fibra di poliestere ( tipo Elite Pro Panels o i nostri nuovi pannelli…coming soon !!!! )

Fammi sapere cosa ne pensi !

A presto !


Giulio
Ing. Giulio Curà
MasAcoustics and Co.
http://www.masacoustics.it
Facebook
Linkedin
Instagram
  • Pagina :
  • 1


Non ci sono ancora risposte per questo post.
Tuttavia, non ti è permesso rispondere a questo post.
Powered by EasyDiscuss for Joomla!
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy