Benvenuto su www.trattamentoacustico.it, il primo forum italiano di consulenza acustica gratuita.

In questo forum puoi postare liberamente le tue domande che riguardino l'isolamento acustico, il trattamento e la correzione acustica delgi ambienti dedicati alla musica come sale prova, studi di registrazione, project studio, ma anche ambienti domestici come home theater, home cinema e locali pubblici, bar, ristoranti, scuole, palestre ecc. Potrai chiedere informazioni su tutti i prodotti per l'acustica in vendita sul nostro online shop www.masacoustics.it.

Per postare una domanda devi essere registrato.

Accedi con i tuoi dati o Clicca qui per registrarti !

Cerca nel Forum

Problemi con la registrazione e il login ?

E' possibile che i filtri antispam blocchino la mail di attivazione ! In caso di problemi vi invitiamo a inviare una segnalazione a questa mail info@masacoustics.it .

  1. AlexM
  2. Isolamento Acustico Sala Prove
  3. Venerdì, 16 Novembre 2018
  4.  Iscriviti via mail
Salve a tutti,
Mi sono trasferito da poco in un nuovo appartamento e di conseguenza devo attrezzarmi per poter studiare la batteria senza disturbare il vicinato.
Stiamo iniziando a studiarci sopra per cercare di ottenere un risultato apprezzabile senza dover spendere cifre esagerate...siamo arrivati alla classica opzione ''stanza nella stanza'' di cartongesso (possibilmente modulare) ancora in fase di elaborazione per quanto riguarda la scelta dei materiali.

Ho trovato molto interessante l'articolo su MasAcoustics sul quale ci stiamo basando, ma ci è sorto un dubbio iniziale, ovvero se optare per la soluzione del pavimento flottante con gli U-boats oppure esisterebbe una soluzione migliore?

Purtroppo il problema è che la stanza da insonorizzare si trova al 2° piano, vi allego uno schemino al volo per un'idea migliore.
Le due pareti (destra e frontale) vanno alla strada, mentre la mia preoccupazione principale sono le pareti restanti insieme al pavimento che sono ''collegate'' alla casa dei vicini (a sinistra dello schema in rosso) essendo un appartamento gemello attaccato (come se fosse uno unico diviso in due) per cui stesso solaio.

Immagine.jpg
Allegati
Vota questo post:
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Ciao Alex , grazie per aver utilizzato il nostro forum di consulenza acustica !

Ho trovato molto interessante l'articolo su MasAcoustics sul quale ci stiamo basando, ma ci è sorto un dubbio iniziale, ovvero se optare per la soluzione del pavimento flottante con gli U-boats oppure esisterebbe una soluzione migliore?


Direi che per fare meglio degli uboats dovresti pensare a realizzare un pavimento con un massetto in cemento armato flottante... quindi stiamo parlando di interventi strutturali.

Se hai una buona altezza a disposizione puoi aumentare l'intercapedine !

Purtroppo il problema è che la stanza da insonorizzare si trova al 2° piano, vi allego uno schemino al volo per un'idea migliore.
Le due pareti (destra e frontale) vanno alla strada, mentre la mia preoccupazione principale sono le pareti restanti insieme al pavimento che sono ''collegate'' alla casa dei vicini (a sinistra dello schema in rosso) essendo un appartamento gemello attaccato (come se fosse uno unico diviso in due) per cui stesso solaio.

Sicuramente il problema della trasmissione di vibrazioni esiste... ma direi che sei nella soluzione ottimale, quindi il più lontano possibile dai tuoi vicini .

Fammi sapere !
Ing. Giulio Curà
MasAcoustics and Co.
http://www.masacoustics.it
Facebook
Linkedin
Instagram
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
La ringrazio molto per avermi risposto,
Perfetto allora...opteremo per quella soluzione.

Una curiosità, c'è qualche differenza tra struttura metallica per il cartongesso oppure in legno?
Inizialmente immaginavo il legno lavorasse meglio in termini di assorbimento ma noto che spesso e volentieri si fa riferimento al metallo.

Grazie mille!
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Ciao Alex, possiamo fare delle buone cose con strutture di legno o di metallo. Di solito consigliamo i montanti in ferrozincato ( quelli standard per il cartongesso in metallo.. ) hanno una elasticità maggiore ( quindi dissipano energia, vibrazioni , e quindi suono ... ) rispetto ai montanti in legno, sono più economici e sono più vicini ai nostri standard costruttivi.

Le strutture in legno si usano soprattutto nei paesi nordici o anglosassoni perchè il legno è il loro standard costruttivo ( e in alcuni casi è il modo più economico per loro .. )

Potremo preferire il legno nel caso si vogliano realizzare delle strutture autoportanti o per una realizzazione fai da te ... io per esempio che sono mediamente abile nel bricolage mi troverei più a mio agio con dei montanti in legno piuttosto che con i montanti in metallo... ma è una scelta personale ... di solito per un risultato ottimale consiglio montanti in metallo !!
Ing. Giulio Curà
MasAcoustics and Co.
http://www.masacoustics.it
Facebook
Linkedin
Instagram
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Ottimo, grazie per i consigli! Ci sono stati di enorme aiuto.
E' stato davvero gentilissimo.


A presto!!
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Grazie a te !!

A presto !


Giulio
Ing. Giulio Curà
MasAcoustics and Co.
http://www.masacoustics.it
Facebook
Linkedin
Instagram
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Grazie a te !!

A presto !


Giulio

Salve! Le scrivo per un piccolo aggiornamento, in quanto settimana scorsa appena arrivata la Flat Barrier, abbiamo iniziato i lavori e completato il pavimento (allego sotto la foto).

IMG_8141[2].jpg

Il prossimo passo saranno le pareti, abbiamo optato per una struttura metallica completamente disaccoppiata dal muro esistente, semi-autoportante, mentre il soffitto sarà ancorato disaccoppiandolo da quello esistente.

Ci è sorto un dubbio, il vostro progetto (ormai ci siamo affezionati a voi :-)) prevede un doppio strato di cartongesso ''normale'' con all'interno la barriera acustica a mo' di sandwich, mentre noi stavamo pensando di ridurre a 1 strato di cartongesso (Diamant FPE che sarebbe accoppiato ad una lamina fonoisolante IsolFIBTEC PFT) + Flat Barrier 10A, il tutto più che altro per una questione di peso (essendo al piano superiore), teoricamente la portata massima del solaio dovrebbe essere di circa 200Kg/m2 stando alle norme, e quindi un totale di 2000Kg/m2 per l'area totale della stanza, ma vorremmo starci ben al di sotto per sicurezza.

Eventualmente pareti con 5cm lana di roccia 70Kg/m3 + 1 strato di Diamant accoppiata con FPE 32,5 mm (cartongesso 12,5 mm + 20mm FPE) + Flat Barrier 10A, ci darebbero ugualmente un buon risultato di isolamento?
Oppure in alternativa al cartongesso Diamant FPE, sarebbe meglio utilizzare la Knauf Silentboard specifica per l'isolamento Acustico (18 Kg/m2)?



Scusatemi per il disturbo
Alex.
Allegati
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Ciao Alex !!

Eventualmente pareti con 5cm lana di roccia 70Kg/m3 + 1 strato di Diamant accoppiata con FPE 32,5 mm (cartongesso 12,5 mm + 20mm FPE) + Flat Barrier 10A, ci darebbero ugualmente un buon risultato di isolamento?


Non ho capito bene la sezione se il Flat Barrier lo metti sopra il diamant o sotto .. in ogni caso la mia considerazione è questa ... Il diamant accoppiato con fibra ha senso quando tu non vuoi fare la struttura (quindi per un placcaggio domestico senza troppo impegno ...) in questo caso sarebbe un sovraccosto inutile perché abbiamo già un elemento fonoassorbente che è la lana di roccia , quindi meglio e più conveniente aumentare lo spessore della lana di roccia e usare una lastra singola .

Quindi se vuoi cercare di risparmiare sulla massa puoi pensare di recuperare un po di dB facendo una intercapedine più spessa (questo ovviamente entro certi limiti ... prendila cum grano salis !!! )

Sulla lastra diamant... è perfetta se vuoi appendere qualcosa , perchè è più dura.. ( da qui il nome che ricorda il diamante !! ) alcuni miei test (simulazioni INSUL che nel caso posso pubblicare) e riscontri in casi reali mi hanno dimostrato che :

Le lastre DIAMANT non aumentano l'isolamento acustico ma sono solo più resistenti e dure in caso di foratura ( cosa che noi non dobbiamo fare )

Le lastre SILENT invece sono determinanti sopratutto nei tramezzi, in una controparete la differenza è minima rispetto ad un normale cartongesso che costa molto meno .


In ogni caso l'uso di barriere acustica non rende necessario l'utilizzo di lastre tecniche e possiamo utilizzare cartongesso standard.

IO ti consiglierei comunque una struttura doppio strato, magari puoi prendere del cartongesso da 10 mm...


Il punto improntate oltre la massa è la sovrapposizione di strati vincolati di materiale.
Usare un sandwich con cartongesso fissato insieme alla Barriera acustica FlatBarrier 10A  permette di fermare le oscillazioni e le vibrazioni longitudinali della lastra eliminando gli effetti negativi alla frequenza di coincidenza e riducendo molto l'isolamento totale.

Quindi il mio consiglio è questo :

Prima di tutto ricorda che il peso è fondamentale , riduci il peso e riduci l'isolamento... ma ovviamente la priorità è la sicurezza e la stabilità dell'edificio.

Quindi :

- Aumentiamo lo spessore della lana di roccia ( magari 7 se non 10 cm ) , se vuoi posisamo abbassare la densità. ( per esempio una 50 per evitare carico eccessivo )

- usiamo due strati di cartongesso da 10 mm in modo da avere sempre due lastre ma con meno peso ( oppure una lastra da 10 e una da 12 mm )

Quindi :

Parete esistente
Intecapedine aria 3/5 cm
Lana roccia 50 kg/m³ 7/10 cm
Cartongesso 12mm/10mm
Barriera acustica FlatBarrier 10A  o Barriera acustica FlatBarrier 5A 
Cartongesso 10 mm


Fammi sapere !
Ing. Giulio Curà
MasAcoustics and Co.
http://www.masacoustics.it
Facebook
Linkedin
Instagram
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Buonasera e grazie infinite per la pazienza nella sua esaustiva risposta!

Non ho capito bene la sezione se il Flat Barrier lo metti sopra il diamant o sotto .. in ogni caso la mia considerazione è questa
Il punto improntate oltre la massa è la sovrapposizione di strati vincolati di materiale.
Usare un sandwich con cartongesso fissato insieme alla Barriera acustica FlatBarrier 10A permette di fermare le oscillazioni e le vibrazioni longitudinali della lastra eliminando gli effetti negativi alla frequenza di coincidenza e riducendo molto l'isolamento totale




In teoria si pensava di metterlo sotto ma tenendo conto del suo consiglio, opteremo per la soluzione a doppio strato.
Purtroppo per quanto riguarda la lana di roccia, siamo legati al fatto di avere già tutto il materiale da 5cm - 70Kg/m3
mentre l'intercapedine siamo riusciti a estenderla a 7 cm.

Ricapitolando dovremmo avere:
-Parete originale
-Intercapedine d'aria 7 cm (tenendo conto che la controparete è autoportante e quindi completamente disaccoppiata da quella esistente)
-Lana di roccia 5 cm 70Kg/m3
-Cartongesso 12 mm
-Flat Barrier 5A
-Cartongesso 10 mm

Ho calcolato a spanne il peso e dovrebbe aggirarsi intorno ai 1300/1400 Kg
Piccola curiosità, il cartongesso più spesso è indifferente a livello sonoro se posizionato internamente o esternamente al sandwich?


Allego foto dello stato attuale :-)
Grazie Mille e Buone feste!!

IMG_8194[1].jpg
IMG_8193[1].jpg
Allegati
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Ciao Alex scusa il ritardo ma torniamo oggi dalle ferie !!!

Ricapitolando dovremmo avere:
-Parete originale
-Intercapedine d'aria 7 cm (tenendo conto che la controparete è autoportante e quindi completamente disaccoppiata da quella esistente)
-Lana di roccia 5 cm 70Kg/m3
-Cartongesso 12 mm
-Flat Barrier 5A
-Cartongesso 10 mm


Ok corretto !!!

Piccola curiosità, il cartongesso più spesso è indifferente a livello sonoro se posizionato internamente o esternamente al sandwich?


Non è influente più di tanto ... ma di solito lo mettiamo con la sequenza che hai indicato tu ( quindi il più spesso attaccato al montante )

Fammi sapere !!!


A presto !


Giulio
Ing. Giulio Curà
MasAcoustics and Co.
http://www.masacoustics.it
Facebook
Linkedin
Instagram
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Gentilissimo, grazie mille!!
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Buonasera Alex,
ho seguito la tua discussione... ho una situazione molto simile alla tua e sono curioso di sapere se la stanza che hai costruito "funziona"!
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Buonasera Alex,
ho seguito la tua discussione... ho una situazione molto simile alla tua e sono curioso di sapere se la stanza che hai costruito "funziona"!


Ciao Umberto,
Assolutamente si! Oramai ci suono/studio/registro da quasi un anno e ne sono pienamente soddisfatto.
Tenendo presente che all'interno la pressione sonora arriva a picchi di 110 dB (non poco), ho calcolato un abbattimento di circa 40/45 dB al di fuori della porta.
Concretamente per farti un esempio, i miei vicini (nell'appartamento gemello con i quali ne condividiamo il muro divisorio) hanno detto di non accorgersi del rumore con la televisione accesa, mentre in condizioni di silenzio totale sentono cassa e il rullo al livello di una radio a volume molto basso.
Quelli delle case non direttamente collegate alla mia, invece, nemmeno sapevano ci suonassi dentro :-)

Ovviamente come giusto che sia, le regole della fisica sono imprescindibili, quindi un silenzio totale in questo tipo di condizioni sarà molto difficile se non impossibile da ottenere, ma con una spesa abbastanza contenuta, nel mio caso, sono riuscito ad ottenere un ottimo risultato, alla pari se non addirittura migliore rispetto ai classici box prefabbricati che costano molto di più.

Spero la mia esperienza ti possa essere d'aiuto...se hai dubbi, chiedi pure.

Ciao!
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Grazie per la celere ed esaustiva risposta, sei stato gentilissimo...
Buono studio e in bocca al lupo
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Ciao Alex, sono veramente contento che sia soddisfatto del risultato , quello che dici è assolutamente in linea con quello che promettiamo ai nostri clienti , quindi non possiamo garantire il silenzio assoluto ma in generale si riesce a suonare senza infastidirei i vicini ...

Una nota .. l'isolamento che hai testato in circa 45 dB non è una misura del tutto rigorosa ... ovvero ... se io nella mia sala registro con un fonometro un rumore a 100 dB e fuori dalla sala ho 50 dB questo non corrisponde ad un Rw di 50 dB perchè il calcolo del Rw è realizzato con una formula piuttosto complicata che non è quella di una semplice sottrazione.

Considera poi che molto spesso anche in condizioni di silenzio il rumore di fondo di una casa "normale" è di circa 35/40 dB sopratutto se non ti trovi in campagna, quindi è difficile avere un valore del tutto attendibile senza misure precise.

Alla fine in ogni caso quello che conta è riuscire a suonare !!! Ti dico questo per fare capire come un delta di 45dB corrisponda nella realtà ad un Rw magari di 50/55 dB .

Grazie mille e apresto !!!


Umberto , se hai qualche doppio o domanda siamo a tua disposizione !


A presto !


Giulio
Ing. Giulio Curà
MasAcoustics and Co.
http://www.masacoustics.it
Facebook
Linkedin
Instagram
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Ciao Giulio!
Ti ringrazio per la precisazione, in effetti trascuravo si trattasse di una grandezza logaritmica...
Quindi teoricamente sulla carta potrei avere un Rw addirittura migliore di quanto immaginassi, benissimo!

Approfitto per ringraziarti ancora una volta per l'importantissimo supporto che mi hai dato!
E' stato davvero fondamentale!

Sono certo che anche Umberto sarà soddisfatto del risultato come lo sono stato io :-)


Ciao!
Risposta accettata In attesa di moderazione
0
Voti
Annulla
Ciao Alex, alla fine come si dice... non è improntate di colore è il gatto ... basta che prenda il topo :D :D :D :D quindi al di la dei tecnicismi l'imparentate è raggiungere il risultato !!! Sicuramente l' Rw che hai raggiunto sarà maggiore rispetto a quello che hai misurato , non tanto perchè si tratta di quantità logaritmiche ma perche Rw viene calcolata con una solcata di media fatta con un calcolo di una sorta di "media non lineare" e in questo caso la media delle differenze non coincide con la differenza delle medie ( è un po più complicato ... ma la semplifico in modo estremo !

In ogni caso ti ringrazio molto per il feedback che hai dato ad Umberto e sono molto contento che sia rimasto soddisfatto con i nostri materiali .


A presto !


Giulio
Ing. Giulio Curà
MasAcoustics and Co.
http://www.masacoustics.it
Facebook
Linkedin
Instagram
  • Pagina :
  • 1


Non ci sono ancora risposte per questo post.
Tuttavia, non ti è permesso rispondere a questo post.
Powered by EasyDiscuss for Joomla!
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy